La tecarterapia non è altro che una radiofrequenza facente parte dello spettro elettromagnetico. Fu scoperto che riscaldava i tessuti del corpo nel 19 ° secolo da due ragazzi francesi molto coraggiosi (un fisiologo chiamato d’Arsonval e il suo fedele assistente; pensavano che sarebbero morti, in nome della scienza eh!). Sono sopravvissuti per raccontare la loro storia e molto più di: scoprirono che l’uso di 1 ampere produce una sensazione di calore. Successivamente la ricerca continuò e arrivarono alcuni scienziati molto più familiari e noti: Tesla e Hertz, che continuarono a sperimentare.

Facendo un rapido salto in avanti nel tempo arriviamo al 1983 quando alcuni scienziati biomedici iniziarono ad investigare le correnti elettromagnetiche a radiofrequenza ad uso terapico e lanciarono sul mercato il primo dispositivo INDIBA, allora chiamato TEC (Trasferimento Elettrico Capacitivo) e successivamente TECAR o TECARTERAPIA (Trasferimento Elettrico Capacitivo e Resistivo). Tuttavia questa parola è un’acronimo italiano: oggi questa tecnologia viene denominata da INDIBA e dalla comunità scientifica internazionale con l’acronimo inglese CRET (Capacitive / Resistive Electric Transfer) o come CRMRF (Capacitive / Resistive Monopolar Radiofrequency).

Sin dal suo primissimo dispositivo, INDIBA ha sviluppato la sua tecnologia intorno ai 0,5 MHz e ha poi definito la sua frequenza specifica a 448kHz, sulla base delle prove, analisi e confronto di frequenze in questo range.

Nel corso di 19 anni di ricerca molecolare in vitro presso il Dipartimento di Bioelettromagnetismo dell’ospedale Ramón y Cajal di Madrid, sono stati pubblicati numerosi articoli. Questi hanno stabilito la frequenza ottimale a 448kHz attraverso ricerche sulle cellule staminali, su cellule umane sane e cellule tumorali. Queste importanti ricerche hanno dimostrato la differenziazione di cellule staminali e gli effetti correlati alle cellule tumorali, dimostrando la sicurezza e l’efficacia della biostimolazione della tecnologia INDIBA a 448kHz (Hernandez-Bule et al 2014A, b, 2017).

Sin dal 1983 abbiamo continuato a perfezionare la nostra tecnologia, fino al lancio dei nostri ultimi dispositivi CT con la frequenza più stabile esistente sul mercato fino ad oggi e una nuova funzione: la modulazione continua. Entrambe le caratteristiche consentono un trattamento ancora più sicuro ed efficace in particolare nelle lesioni acute, quando è assolutamente necessario che il riscaldamento dei tessuti non si verifichi (Feibal e Veloce del 1976, Wallace et al 1979). Per questo motivo parliamo oggi di Terapia Cellulare Attiva.

La biostimolazione è utilizzata nelle lesioni acute senza un effetto termico, accelerando la guarigione dei tessuti, riducendo il dolore e gli edema. Il naturale processo di riparazione del corpo è più veloce e soprattutto c’è un aumento del flusso di sangue che trasporta l’ossigeno e le sostanze nutritive necessarie per il processo di riparazione (Kumuran e Watson 2018).

Nelle condizioni sub-acute e croniche, la biostimolazione di INDIBA può essere combinata con un effetto termico profondo che dura per oltre 45 minuti (Kumaran e Watson 2015) aumentando sensibilmente il flusso sanguigno profondo e il suo volume (Kumaran e Watson 2018a). Questo fornisce una grande quantità di sostanze nutritive e ossigeno e può fornire l’energia necessaria per stimolare la riparazione dei tessuti che sono bloccati in uno stato di non-guarigione!

Alcuni esempi di utilizzo;

  • Tendinopatia (Achille, spalla)
  • Artrite
  • Post-operatorio
  • Strappi muscolari
  • Distorsioni e stiramenti
  • Promozione della guarigione della frattura
  • Riduzione del dolore
  • Lombalgia
  • Tensione muscolare
  • Trigger points

La tecnologia INDIBA viene combinata con esercizi di riabilitazione, che possono essere eseguiti durante l’applicazione oppure utilizzando la finestra di opportunità che gli effetti termici di INDIBA danno.

Grazie alle numerose ricerche pubblicate, ci siamo affermati come il dispositivo per tecarterapia più affidabile. Nessun’altra azienda possiede il livello di ricerche che noi abbiamo, e riteniamo che sia qualcosa di cui essere molto orgogliosi.

I nostri clienti e i loro pazienti possono essere completamente rassicurati sulla sicurezza e sui risultati della nostra tecnologia.

Vedi alcuni esempi delle nostre ricerche sotto o contattaci.

Siamo ancora lontani dallo scoprire tutti i diversi benefici per la salute che una corrente a 448 kHz può offrire nei trattamenti. Molti studi sono continuamente in corso e le seguenti università hanno prodotto tesi di laurea e tesi di Master sulla tecnologia INDIBA®:

  • European University Cyprus (Nicosia, Cipro)
  • Hertfordshire University (Hatfield, Regno Unito)
  • Konkuk University (Seul, Corea)
  • Oxford Univesity (Oxford, Regno Unito)
  • Universitá La Sapienza di Roma (Roma, Italia)
  • Universidad Autónoma de Madrid (Madrid, Spagna)
  • Universidad CEU Cardenal Herrera (Elche, Spagna)
  • Universidad de Alcalá (Alcalá de Henares, Spagna)
  • Universidad de Córdoba (Córdoba, Spagna)
  • Universidad FASTA (Buenos Aires, Argentina)
  • Universidad Politécnica de Madrid (Madrid, Spagna)
  • Università degli studi di Bari Aldo Moro (Bari, Italia)
  • Università degli studi di Firenze (Florence, Italia)
  • Università degli Studi di Padova (Padova, Italia)
  • Universitat Autònoma de Barcelona (Bellaterra, Spagna)
  • Universitat Pompeu Fabra (Barcelona, Spagna)
  • Universitat Rovira i Virgili (Reus, Spagna)
  • University of Western Greece (Patra, Grecia)

Ricerca

Proliferazione di cellule staminali derivate da tessuto adiposo (in vitro)

Il trattamento con stimolazione elettrica a 448kHz aumenta il collagene di tipo II specifico della cartilagine del 51% e i glicosamminoglicani del 20% rispetto ai gruppi di controllo.

Hernández-Bule ML, María Trillo Á, Martínez-García MÁ, Abilahoud C, Úbeda A (2017) Chondrogenic Differentiation of Adipose-Derived Stem Cells by Radiofrequency Electric Stimulation. J Stem Cell Res Ther 7: 407

Ricerca

Migliorare Il dolore e la funzionalità nei casi di osteoartrite RCT

4 settimane di trattamento INDIBA con esercizi e consulenza (gruppi controllo e placebo) e follow-up a 3 mesi

Il gruppo trattato con INDIBA raggiunge una riduzione del 66% del dolore rispetto al valore basale e al follow up a 3 mesi il dolore è ulteriormente diminuito del 45%. Nel gruppo di controllo la riduzione è stata solo dell’8%.

La qualità funzionale della vita è stata misurata con WOMAC; diminuzione del 45% del punteggio a 4 settimane e del 38% a 3 mesi.

LEGGI DI PIÙ

Kumaran B, Watson T. Treatment using 448kHz capacitive resistive monopolar radiofrequency improves pain and function in patients with osteoarthritis of the knee joint: a randomised controlled trial. Physiotherapy (2017).

Ricerca

Risposta del flusso ematico alle applicazioni INDIBA

La risposta del flusso sulla pelle di 17 partecipanti ha mostrato un cambiamento significativo nel gruppo trattato con INDIBA rispetto ai gruppi placebo e di controllo.

Kumaran B, Watson T. Capacitive resistive monopolar radiofrequency (CRMRF) therapy at 448kHz: localised application significantly enhances and sustains skin physiological responses. World Conference for Physical Therapy congress 2015, Singapore; 05/2015.