Generiche

Generiche

Come funziona la terapia INDIBA?

INDIBA è una corrente elettromagnetica applicata al corpo tramite elettrodi ad una frequenza radio di 448kHz. Questa corrente aumenta gradualmente la temperatura del tessuto trattato. L’aumento della temperatura favorisce la rigenerazione naturale del corpo, la riparazione e le risposte di difesa. Con la frequenza di corrente di 448 kHz si possono ottenere anche altri effetti senza riscaldare i tessuti del corpo: biostimolazione. Questo è stato dimostrato attraverso la ricerca molecolare.

La terapia INDIBA è sicura?

INDIBA è approvata da specifici enti regolatori dei vari paesi, è marcata CE e approvata dalla FDA. INDIBA offer ai sui clienti una formazione completa e corsi specialistici. Lavoriamo costantemente con le principali università e centri di ricerca per garantire una tecnologia sicura ed efficace.

Perché 448 kHz?

INDIBA investe molte risorse nella ricerca della propria tecnologia per garantire i migliori risultati. Durante le ricerche un team dell’ospedale universitario spagnolo Ramon y Cajal di Madrid (il Dottor Ubeda e il suo gruppo di lavoro) hanno esaminato cosa succede alle cellule del corpo quando si applica INDIBA. Hanno scoperto che la frequenza INDIBA di 448kHz è efficace per stimolare la proliferazione delle cellule staminali e differenziarle e che le normali cellule sane non vengono danneggiate. È stata anche testata su alcuni tipi di cellule tumorali in vitro e si è scoperto che diminuiva il numero di queste cellule, ma non dele cellule normali. Questo ha dimostrato che la tecnologia era sicura per l’utilizzo sull’uomo e, quindi, anche sugli animali.

Quali sono i principali effetti biologici della terapia INDIBA?

A seconda della temperatura raggiunta si ottengono diversi effetti:

  • Ad intensità non riscaldanti, grazie all’effetto della corrente unica di 448 kHz, si verifica una biostimolazione. Ciò può aiutare nelle prime fasi di una lesione accelerando l’azione del corpo. Può anche aiutare ad alleviare il dolore e ad accelerare attraverso la via infiammatoria.
  • Con un lieve aumento della temperatura l’azione principale è la vascolarizzazione, che aumenta il flusso sanguigno in profondità e fornisce più ossigeno e sostanze nutritive per la riparazione. Gli spasmi muscolari si riducono e il dolore diminuisce. L’edema può essere drasticamente ridotto.
  • Ad alte temperature c’è un effetto di iperattivazione, che aumenta sia il volume che l’intensità del flusso sanguigno profondo (Kumaran & Watson 2017). In estetica l’alta temperatura dei tessuti può ridurre le rughe e le linee sottili e migliorare l’aspetto della cellulite.

A cosa serve INDIBA?

Grazie all’azione sul corpo sia delle persone che degli animali abbiamo sviluppato dispositivi che sono adatti per essere utilizzati con le persone per migliorare la performance e curare le lesioni con i nostri dispositivi Activ (AT7, CT8, CT9) e i nostri dispositivi per la salute degli animali; Equine (VET905) e piccoli animali (AH100). INDIBA ha una divisione di medicina estetica ( Deep Care), con dispositivi progettati per questo specifico scopo.

Cosa succede durante un trattamento INDIBA?

Il vostro terapeuta vi spiegherà perché il trattamento INDIBA può essere utile.

Durante il trattamento il terapeuta utilizzerà mezzi conduttivi sulla pelle per condurre la corrente. Si utilizzano un elettrodo capacitivo rivestito, che genera un calore più superficiale, o un elettrodo resistivo metallico, che sviluppa calore in profondità e raggiunge i tessuti più profondi. I trattamenti sono indolori e piacevoli sia per gli esseri umani che per gli animali.

Quante sedute di terapia INDIBA sono necessarie?

Dipende dal tipo di trattamento. Le condizioni croniche normalmente richiedono più sessioni rispetto alle condizioni acute. Le sedute vanno da 2 o 3 a molte di più. Chiedete al vostro medico per maggiori informazioni.

C'è un limite alle sessioni di terapia INDIBA?

Non c’è un limite; il numero di sedute dipenderà dal disturbo e dalla patologia da trattare e dalla sua gravità. Potete effettuare trattamenti di mantenimento per prolungare i risultati se avete un problema cronico o volete beneficiare di effetti più duraturi.

Con quale frequenza possono essere eseguiti i trattamenti terapeutici INDIBA?

Non ci sono limiti, ma la frequenza dipenderà dal tipo di trattamento, dalla gravità e dallo stato di avanzamento dei trattamenti. Nelle prime fasi delle sedute questo i trattamenti possono essere molto frequenti. Nella maggior parte dei casi si tratta di 1-3 sedute a settimana. Nello sport professionale si applicano trattamenti anche due volte al giorno! Diverso è il caso dei trattamenti estetici.

Quanto tempo ci vuole per vedere dei risultati?

Dipende dal tipo di trattamento. In una lesione acuta gli effetti possono essere immediati, spesso si ha una riduzione del dolore fin dalla prima seduta anche in condizioni croniche.

In estetica alcuni trattamenti, come il viso, possono avere risultati già alla fine della prima seduta. I risultati dei trattamenti per riduzione del grasso si vedono nell’arco di un paio di settimane, anche se alcune persone notano una riduzione in un paio di giorni. Il vostro professionista misurerà i vostri risultati.

Quanto durano gli effetti di una seduta di terapia INDIBA?

Gli effetti possono durare a lungo a seconda delle caratteristiche della sessione di trattamento. Spesso il risultato dura più a lungo dopo un paio di sedute. Per l’osteoartrite cronica gli effetti durano fino a 3 mesi (Kumaran e Watson 2019) e anche i risultati dei trattamenti estetici possono durare fino a diversi mesi dopo.

La terapia INDIBA è dolorosa?

No, non è dolorosa, anzi è un trattamento molto piacevole. Se si avverte qualche fastidio, si deve dirlo all’operatore sanitario.

Ci sono effetti collaterali alla terapia INDIBA?

La terapia INDIBA è innocua per il corpo e molto piacevole. Tuttavia nel caso di pelli molto sensibili o quando si raggiungono temperature molto elevate si può presentare un leggero arrossamento che si attenua abbastanza rapidamente e/o un momentaneo formicolio. Il vostro medico affronterà questo con voi.

INDIBA può aiutare ad accelerare la guarigione da un infortunio?

È molto probabile che INDIBA acceleri la guarigione da un infortunio. Questo è dovuto a molteplici azioni sul corpo in diversi stadi di guarigione. La biostimolazione precoce aiuta i processi biochimici a livello cellulare. Quando il flusso sanguigno aumenta, le sostanze nutritive e l’ossigeno sprigionati aiutano la guarigione. Con il calore le reazioni biochimiche possono essere aumentate. Tutte ciò aiuta il corpo a fare il suo normale lavoro di guarigione in modo più efficiente e a non bloccarsi in nessuna fase.

INDIBA equivale a una terapia laser?

No, il laser utilizza la luce per penetrare la pelle. L’evidenza conferma che la terapia laser non può penetrare più di 15 mm (circa la lunghezza di un’unghia umana) in profondità. Ciò significa che il laser è molto superficiale. Si tratta di un trattamento molto focalizzato. Essendo INDIBA una corrente elettromagnetica, i tessuti interessati vengono raggiunti senza che la pelle assorba gran parte dell’effetto.

INDIBA può ridurre il mio dolore?

È stato dimostrato che INDIBA riduce il dolore dell’osteoartrite in modo significativo e I pazienti sono in grado di aumentare i loro livelli di attività.

Il dolore lombare può essere ridotto in modo significativo consentendo esercizi di rafforzamento e miglioramento del movimento.

Nel caso del dolore pelvico, i pazienti hanno riportato una diminuzione del dolore che è durata un certo numero di settimane tra un trattamento e l’altro.

Il dolore e il gonfiore post-operatorio possono essere gestiti in modo più efficace sin dal primo trattamento.

I pazienti affetti da fibromialgia l’hanno avuta come parte di un approccio biopsicosociale alla gestione del dolore.

INDIBA dovrebbe essere somministrata come parte di un intero pacchetto di trattamenti che includa consigli e guida all’autogestione da parte del vostro terapeuta.

Quali sono le principali controindicazioni per la terapia INDIBA?

  • Pacemaker o altri tipi di impianti elettronici.
  • Gravidanza.
  • Rottura della pelle (ferite aperte o ustioni recenti).
  • Tromboflebite.
  • Persone che soffrono di mancanza di sensibilità (insensibilità congenita al dolore, danni ai nervi, paraplegia o trattamenti farmacologici che riducono la sensibilità al dolore o al calore).

I dispositivi che lavorano a 448 kHz non sono controindicati nel caso di impianti metallici (protesi d’anca, protesi di ginocchio e perni e piastre metalliche)

Ci sono precauzioni per l'utilizzo di INDIBA?

Il vostro terapeuta deciderà se è opportuno utilizzare INDIBA nei seguenti casi:

  • Anticoagulanti.
  • Nei pazienti anziani che hanno più probabilità di presentare disturbi della pelle
  • Pazienti con allergia nota al nichel e al cromo.
  • Aree con infezioni interne o incapsulamento (ascessi).

Trovate tutte le precauzioni nel manuale d’uso

Devi essere un professionista sanitario per utilizzare l'INDIBA?

INDIBA ha 4 marchi diversi. A seconda dell’uso che se ne fa, si determina chi può utilizzare il dispositivo. Vogliamo assicurarci che chiunque utilizzi INDIBA abbia le qualifiche adeguate per poter trattare gli altri. Si prega di contattare il rappresentante del vostro paese.

Posso utilizzare il dispositivo per applicare i trattamenti INDIBA se ho un pacemaker o altri impianti elettronici?

Non ne possiamo certificare la sicurezza, deve essere esplicitamente spiegato dal produttore del dispositivo.

La raccomandazione è di non toccare direttamente l’elettrodo e di non toccare con entrambe le mani il paziente durante il trattamento per evitare che la corrente, anche se molto debole, passi attraverso il corpo.

È necessario essere formati all'uso del dispositivo?

Sì. INDIBA offre molta formazione ai chi acquista i suoi dispositivi. Tutti coloro che utilizzano il dispositivo dovrebbero essere stati formati prima di usarlo su altri per essere sicuri di utilizzarlo nel modo corretto e per ottenere i risultati migliori.

Offriamo una formazione più avanzata per chi ha acquisito familiarità con i dispositivi e vuole specializzarsi. Contattateci se siete interessati se desiderate conoscere i prossimi eventi di formazione nel vostro paese.

Posso essere trattato con INDIBA se ho una protesi?

Sì, la presenza di una protesi non è una controindicazione del trattamento in quanto l’azione del sistema non riscalda il metallo. Lavoreremo quindi secondo l’obiettivo terapeutico con la bio-stimolazione, la vascolarizzazione o l’iperattivazione.

E' possibile combinare INDIBA con altre tecniche di fisioterapia nella stessa seduta?

Sì, naturalmente. Il fisioterapista deciderà come eseguire il trattamento e deciderà quali sono le migliori opzioni per un recupero più rapido.

Se ho una distorsione alla caviglia o una rottura molto recente, posso essere curato lo stesso giorno?

Sì, prima si inizia il trattamento, prima l’edema verrà efficacemente riassorbito grazie all’effetto della biostimolazione. Si consiglia di attendere 6 ore prima di applicare l’INDIBA.

È possibile utilizzare l'INDIBA nelle fratture?

Sì, in quanto contribuirà ad accelerare il processo di guarigione. L’osso è coperto da una membrana (periostio) di tessuto connettivo. Questa membrana contiene vasi sanguigni e nervi che nutrono le ossa. Con la tecnologia INDIBA siamo in grado di aumentare la vascolarizzazione di questa zona che contiene cellule osteogeniche che si trasformano in osteoblasti responsabili dell’aumento dello spessore osseo. Il miglioramento della microcircolazione contribuisce anche a fornire i nutrienti di base necessari per costruire la matrice ossea.

Posso allenarmi dopo il trattamento con INDIBA?

Se durante il trattamento sono state utilizzate temperature elevate nell’area lesionata, si dovrebbe evitare un allenamento eccessivo lo stesso giorno. L’area dovrebbe essere lasciata in “semi riposo”. L’effetto analgesico è molto forte e l’area lesionata potrebbe essere sovraccaricata senza che il paziente ne sia consapevole.

Pavimento Pelvico

Pavimento Pelvico

Posso essere curato se ho un dispositivo intrauterino (ID)?

In caso di ID metallico, una corrente di 448 kHz non è controindicata negli impianti metallici. In caso di ID ormonale, l’ipertermia diretta e sostenuta dell’ID sull’utero deve essere controllata nel caso in cui possa significare una mancanza di protezione dell’efficacia contraccettiva. Chiedete al vostro medico per ulteriori consigli.

Quanto tempo dopo aver avuto un bambino posso sottopormi ad un trattamento INDIBA?

Potete iniziare con l’INDIBA entro la prima settimana dopo il parto per accelerare la vostra guarigione e ridurre il dolore. Il tuo terapeuta può iniziare prima con la bio-stimolazione. Anche se non può trattare ferite aperte, sarà in grado di trattarle fino alla chiusura, come nel caso del parto cesareo. INDIBA può aiutare a migliorare le cicatrici e ne garantisce l’elasticità.

Se ho un PROSTATITE posso ricevere il trattamento?

Sì, il terapista prenderà alcune precauzioni come limitare l’uso della temperatura.

INDIBA è controindicato nella terapia ormonale?

No. L’INDIBA non è controindicato nel caso in cui ci si stia sottoponendo ad una terapia ormonale. Chiedete al vostro medico per ulteriori consigli.

INDIBA interferisce durante l'allattamento?

Assolutamente no, si può essere trattate durante l’allattamento. Ricordati solo di pulire la zona prima di allattare il tuo bambino, poiché può essere difficile per il bambino afferrare il capezzolo.

In questo caso si consiglia di non utilizzare la Crema Anticellulite INDIBA® Proionic® perché ha un estratto vegetale che potrebbe essere assorbito durante il trattamento ed eliminato attraverso il latte materno.

Posso essere trattato con INDIBA in caso di dismenorrea?

Certamente – il trattamento INDIBA aiuta a ridurre la sintomatologia del paziente. Solo l’effetto della corrente aiuterà molto nel caso in cui il paziente abbia dolore e infiammazione. Pertanto, sarà il vostro medico a decidere se il paziente avrà bisogno (o meno) anche di un trattamento termico.

Posso essere trattato con INDIBA mentre ho il ciclo?

Sì. La mestruazione non è in ogni caso una controindicazione. L’operatore sanitario può lavorare con il paziente durante il periodo in qualsiasi tipo di trattamento, anche se il paziente può sentirsi a disagio durante il trattamento.

Tuttavia, il trattamento con INDIBA è completamente sicuro, poiché non influisce direttamente sul ciclo ormonale. In ogni caso, poiché c’è un aumento del metabolismo dovuto all’effetto della corrente, può accadere che il periodo sia più abbondante durante il giorno in cui viene fatto il trattamento. Se il paziente non si sente a suo agio ad essere trattato a livello del perineo (extra o intracavitario), si prega di informare il proprio operatore sanitario in modo da poter affrontare la situazione in modo diverso.

Le disfunzioni sessuali possono essere trattate con INDIBA?

Nel caso di qualsiasi tipo di disfunzione sessuale, sia maschile (disfunzione erettile, Peyronie’sdisease , ecc.) che femminile (dispareunia, vaginismo, ecc…) si prega di chiedere al proprio medico ulteriori consigli.

INDIBA può essere utile per le disfunzioni rettali?

Possiamo trattare le disfunzioni rettali come le emorroidi e le fessure anali. Potete iniziare il trattamento fin dal primo momento e avere un sollievo molto veloce. Chiedete al vostro medico per ulteriori consigli.

INDIBA può trattare l'incontinenza?

Sì, INDIBA è efficace nel trattamento dell’incontinenza, sia urinaria che fecale, e deve essere combinata con esercizi. Il tuo operatore sanitario discuterà l’approccio combinato per il trattamento di questo problema.

Un trattamento con INDIBA può influire su una maglia transvaginale? / Il trattamento INDIBA è controindicato se ho una maglia transvaginale?

Avere una maglia transvaginale non è una controindicazione se non si hanno complicazioni o sintomi direttamente correlati all’uso di questo materiale. Chieda al suo medico per ulteriori consigli.

INDIBA è controindicata in caso di menopausa?

No. È molto efficace per le donne che avvertono secchezza e prurito. Il trattamento sarà principalmente mirato a ripristinare la mucosa vaginale. Chiedete al vostro medico per ulteriori consigli.

INDIBA può trattare una paziente dopo un processo cancerogeno nelle strutture del pavimento pelvico?

Sì, non è una controindicazione, ma l’operatore sanitario avrà bisogno dell’approvazione dell’oncologo per trattare il paziente, sia che si tratti di ripristinare la mucosa interna o di ridurre il dolore sul pavimento pelvico, sia che si tratti di un diverso tipo di trattamento in altre articolazioni. Chiedete al vostro medico per ulteriori consigli.

INDIBA può essere utilizzata dopo un'isterectomia/prostatectomia?

Sì, senza problemi. Dopo questo tipo di intervento, il vostro operatore sanitario può curarvi con INDIBA, trattando la riduzione o la prevenzione della fibrosi cicatriziale, oltre a ripristinare la mucosa e migliorare la mobilità della zona. Chiedete al vostro operatore sanitario per ulteriori consigli.

Le donne in gravidanza possono essere trattate con INDIBA?

No, è una controindicazione assoluta. Anche se la paziente desidera essere curata nessun operatore sanitario è autorizzato a farlo in nessuna fase della gravidanza.

Posso ricevere il trattamento se ho un impianto elettronico (come la neovescica o gli impianti di elettrodi per la neuromodulazione del dolore)?

No, è una controindicazione assoluta. Possiamo lavorare solo con impianti elettronici rimovibili, quindi se il paziente non può rimuovere o spegnere il dispositivo, è una condizione di esclusione dal trattamento con INDIBA.

L'elettrodo intracavitario è doloroso durante un trattamento INDIBA?

Per niente. In alcuni casi, il paziente può sentirsi a disagio durante l’inserimento o la disinserzione dell’elettrodo a seconda della distensibilità dell’area trattata. Il vostro terapeuta discuterà con voi le vostre preoccupazioni e dovrebbe ottenere il vostro consenso informato prima di qualsiasi esame o trattamento interno/esterno.

Occasionalmente al paziente può essere chiesto di utilizzare il muscolo del pavimento pelvico durante il trattamento e notare un aumento della sensazione termica. È del tutto normale, basta dirlo all’operatore sanitario in modo che possa regolare la potenza.

L’elettrodo intracavitario non deve necessariamente essere utilizzato in tutti i trattamenti del pavimento pelvico. A seconda della patologia che il paziente presenta, sarà il professionista sanitario a decidere l’approccio terapeutico più efficace e quindi il tipo di elettrodo da utilizzare.

L'operatore sanitario può combinare INDIBA con qualsiasi altro tipo di dispositivo nella stessa seduta? È sicuro? (Elettrostimolazione, biofeedback, tecniche miofasciali...).

Sì, è completamente sicuro. Infatti, il professionista sanitario da voi scelto dovrebbe combinare diverse tecniche per essere il più efficace possibile.

Normalmente, l’operatore sanitario può eseguire la terapia manuale o le tecniche miofasciali, trattando con INDIBA allo stesso tempo senza problemi. Quando lavora con uno strumento o un dispositivo diverso, dovrebbe lavorare con ciascuno di essi separatamente per il periodo di tempo determinato deciso.

Estetica

Estetica

Posso essere curato in caso di tossina botulinica nel viso?

Esiste un protocollo speciale per i trattamenti combinati in cui si stabilisce quanto tempo dopo la tossina botulinica si deve attendere l’applicazione di INDIBA. Chiedete al vostro medico curante.

Posso essere trattato in caso di peeling profondo, microdermoabrasione, laser, IPL ecc. ?

Sì, a condizione che non vi sia un’estrema sensibilità indotta dalle altre tecniche di trattamento e che la pelle sia tornata al suo stato naturale. Chiedete al vostro professionista per ulteriori consigli.

Posso prendere il sole prima o dopo una seduta INDIBA?

A differenza di altri tipi di tecnologie, come il laser, l’esposizione al sole non è controindicata per la terapia a radiofrequenza. Ma se è stata utilizzata l’ipertermia è meglio evitare l’esposizione al sole.

Se si è sviluppata una scottatura solare, una corrente di 448 kHz può essere usata a bassissima intensità (sub-termica) per diminuire l’arrossamento e aiutare a ripristinare le condizioni della pelle.

Posso indossare il trucco dopo una seduta?

Sì, è possibile applicare il trucco dopo una sessione. Il vostro terapeuta potrebbe avere un protocollo specifico in base al quale, dopo una seduta, può applicare delle creme sul viso, per cui potrebbe chiedervi di non farlo. Chiedete al vostro professionista prima della vostra seduta.

Possiamo usare INDIBA con acido ialuronico o altri filler?

Sì. INDIBA può essere applicato 24 ore prima del trattamento per migliorare le condizioni dei tessuti e la compattazione, e subito dopo se c’è qualche effetto collaterale (ematoma, gonfiore, dolore). A seconda del filler dobbiamo aspettare 2 settimane o un mese per continuare a trattare la zona. Una corretta applicazione di INDIBA non ridurrà l’effetto del filler

Possiamo usare INDIBA con fili riassorbibili?

I fili riassorbibili non sono una controindicazione all’uso di INDIBA. Esistono protocolli specifici per migliorare i risultati e la sicurezza dell’applicazione dei fili riassorbibili.

Posso essere trattato con INDIBA dopo una sessione di micro needling?

Sì, INDIBA può essere combinata con sessioni di microneedling. Si raccomanda di iniziare il trattamento INDIBA il giorno prima della procedura di micro needling e una settimana dopo. In caso di edema, ipersensibilità o ematoma, INDIBA può essere applicata immediatamente dopo.

Si può usare INDIBA per trattare le cicatrici?

Sì. Abbiamo diversi protocolli per aiutare il processo cicatriziale e per migliorare anche l’estetica di una vecchia cicatrice. Possiamo trattare cicatrici recenti, che sono ancora in uno stadio infiammatorio, cicatrici ipertrofiche, cicatrici retratte e possiamo ridurre lo sviluppo di cicatrici cheloidi nelle fasi iniziali. Chiedete al vostro specialista per ulteriori consigli

Posso usare INDIBA per perdere peso?

No. INDIBA può essere usato come trattamento rimodellante per il corpo perché favorisce la lipolisi nei depositi di grasso. Può aiutare a mostrare i risultati in anticipo in coloro che stanno lavorando per adottare abitudini sane per quanto riguarda l’alimentazione e lo sport. Chiedete al vostro specialista della salute un piano di vita sano.

Posso usare INDIBA dopo una liposuzione?

Sì, INDIBA può essere applicato nei sottotermiali dopo l’intervento chirurgico per ridurre l’edema, l’ematoma e il dolore associati alla procedura, oltre che per produrre un effetto di biostimolazione e accelerare il recupero. Dopo la fase acuta può essere applicato per migliorare il restringimento della pelle e ridurre la fibrosi.

Posso usare INDIBA dopo una procedura con il Lipolaser?

Esistono due tipi di LipoLaser, uno invasivo e uno non invasivo. Non vi è alcuna controindicazione per applicare INDIBA dopo la procedura. Durante i primi giorni il trattamento deve essere in subtermia per stimolare il recupero dei tessuti.

INDIBA può essere usato sulle protesi mammarie?

Sì. Possiamo usare INDIBA sulle protesi mammarie nel post-operatorio immediato per ridurre il gonfiore e il dolore, e continuare in fasi non acute per accelerare il recupero dei tessuti e prevenire l’incapsulamento delle protesi.

INDIBA è utile per i problemi dei capelli?

Sì, INDIBA può aumentare il flusso sanguigno locale nel cuoio capelluto con effetti benefici per il ciclo dei capelli. Ha anche un effetto bio-stimolante che favorisce la crescita dei capelli. A causa del tempo impiegato da un capello a crescere, i trattamenti devono essere effettuati per periodi di almeno 2 o 3 mesi. Inoltre, non vi è alcuna controindicazione per combinare i trattamenti per capelli INDIBA con altri trattamenti farmacologici, come il minoxidil.

Posso usare INDIBA se ho un impianto di capelli?

INDIBA può essere applicato per preparare il tessuto prima di ricevere il trapianto. Dopo l’impianto, il trattamento può essere fatto una volta che c’è un recupero completo.

INDIBA può aiutarmi a dormire?

Sì. Uno dei benefici che i pazienti riferiscono fin dalla prima seduta è l’effetto rilassante dell’INDIBA. Aiuta a dormire bene e a sentirsi meglio.

Posso migliorare l'acne con INDIBA?

Sì, INDIBA aiuta a controllare il processo infiammatorio, regola la produzione di sebo e promuove la rigenerazione della pelle. Può produrre un apparente “peggioramento” della condizione nei giorni posteriori dopo la prima seduta, ma in realtà sta accorciando il periodo di recupero e migliorerà dopo pochi giorni.

Posso migliorare la mia pelle con INDIBA se ho la Rosacea?

Sì, esiste un protocollo INDIBA per la Rosacea. Trattandosi di una patologia che comporta un processo infiammatorio, possiamo ridurre questa condizione e contribuire ad alleviare la congestione. Il trattamento migliora anche la vascolarizzazione della pelle, aiutando a calmare la fase di iperattivazione della Rosacea.

Posso essere curato con INDIBA dopo una seduta di mesoterapia?

Sì, esiste un protocollo INDIBA da abbinare alle sedute di mesoterapia. Si raccomanda di iniziare il trattamento INDIBA il giorno prima della seduta e una settimana dopo (a seconda della durata del prodotto iniettato). In caso di edema, ipersensibilità o ematoma, INDIBA può essere applicato immediatamente dopo il sottotermine.

Posso essere trattato con INDIBA dopo una seduta di carbossiterapia?

Sì, INDIBA può essere combinata con la carbossiterapia. Si raccomanda di iniziare il trattamento con INDIBA almeno 72 ore dopo la seduta.

Posso trattare un ematoma con INDIBA?

Sì, INDIBA può essere utilizzata per accelerare il riassorbimento degli ematomi. Nelle sue prime fasi si raccomanda il trattamento nei sottotermiali.

Animal Health

Animal Health

È possibile utilizzare INDIBA con iniezioni di cellule staminali, PRP o qualsiasi altro prodotto autologo (ad es. IRAP®)?

Sì, si prega di parlare con il veterinario che utilizza INDIBA o di contattarci per ulteriori informazioni.

INDIBA può raggiungere l'articolazione sacroiliaca nei cavalli?

Sì, INDIBA lavora in un circuito chiuso, il che significa che la corrente arriva fino al punto di trattamento e arriva fino alla piastra ricevente.

Gli animali si sentono a disagio durante il trattamento?

No, sono molto rilassati. Alcuni possono essere un po’ nervosi prima dell’inizio del trattamento, ma molti mostrano segni di estremo rilassamento, addormentandosi non appena inizia il trattamento.

Ci sono dei rischi nell'uso sugli animali?

Il vostro professionista è stato aformato per garantire i migliori risultati e per limitare il rischio di un’ustione localizzata ( questa è estremamente rara).

Se per qualsiasi motivo pensi che ci sia stato un evento negativo, ti preghiamo di comunicarlo al tuo professionista o di contattare direttamente INDIBA. Indaghiamo a fondo su tutti gli eventi avversi.

INDIBA è migliore del trattamento laser?

Attualmente non ci sono stati studi di confronto diretto. Tuttavia, sappiamo dalla ricerca pubblicata che INDIBA penetra molto più a fondo del laser. Il laser è molto superficiale ed è ostacolato dai capelli e dalla pelle in quanto questi assorbono molta energia.

INDIBA e’ la stessa cosa degli ultrasuoni o delle onde d'urto?

No. Anche se rientrano nella stessa categoria di modalità fisiche (modalità di elettroterapia), gli ultrasuoni e le onde d’urto hanno un modo diverso di erogare l’energia e diverse modalità di utilizzo. Le principali differenze pratiche sono che sono controindicate per molte parti del corpo e in condizioni acute. Le onde d’urto sono un trattamento doloroso e la sedazione è necessaria nei trattamenti animali.

È necessario radersi i peli?

No, per niente. Anche se i peli potrebbero fornire un passaggio meno efficiente della corrente. Questo passerà fino a quando il gel e l’acqua saranno utilizzati per bagnare accuratamente la pelliccia. Tuttavia, il taglio o la rasatura del pelo può essere un’opzione per animali estremamente pelosi o quando la connettività non è appropriata.

È necessario sedare l'animale?

Non c’è bisogno di sedativi per un trattamento INDIBA su qualsiasi animale, in quanto il trattamento è molto piacevole per loro. Il vostro sanitario può scegliere di sedare se ritiene che ci possa essere un rischio per la sicurezza derivante dal comportamento dell’animale (ad esempio, un cavallo troppo nervoso). La sedazione deve essere sempre effettuata da un veterinario qualificato.

INDIBA è consentita in occasione di eventi sportivi equini e canini?

In generale sì, ma dipende dallo sport specifico. INDIBA (chiamata diatermia) è una terapia di supporto limitata ai sensi dell’art. 1065 del Regolamento Veterinario della FEI (14a edizione 2018, in vigore dal 1° gennaio 2019), il che significa che può essere utilizzata da un professionista certificato senza altra condizione che non sia la comunicazione scritta al Comitato FEI della specifica manifestazione. Eventi non regolamentati dalla FEI, si prega di consultare l’ente regolatore specifico. Negli sport canini (agilità, canicross, cani da slitta, ecc.) si prega di consultare l’ente regolatore della specifica competizione.

INDIBA può essere utilizzato su animali con problemi alla pelle?

INDIBA non è controindicato in caso di problemi della pelle. Tuttavia, poiché utilizziamo gel topici e la corrente passa attraverso la pelle, il vostro medico determinerà il modo migliore per applicare il trattamento.

INDIBA E...

INDIBA E...

Come precauzione generale INDIBA raccomanda di chiedere al proprio terapeuta in merito all’utilizzo in una delle seguenti circostanze:

...Ferite o ulcere:

Il tessuto circostante può essere trattato, con 2 cm di margine dai bordi della ferita per evitare qualsiasi contaminazione.

...Allergie:

I pazienti con una storia di reazioni allergiche ai cosmetici e ad alter formule topiche dovrebbero escludere la possibilità di reazioni incrociate. Inoltre, coloro che hanno una storia di reazioni allergiche a niquel o altri metalli dovrebbero considerare la possibilità di tracce residue nella piastra di ritorno o negli elettrodi.

...Farmaci:

Non è una controindicazione all’uso dell’INDIBA se si è sotto farmaci. Tuttavia si dovrebbe sempre sapere quale sia il farmaco per essere sicuri che non sia il trattamento di una patologia che controindica l’uso di INDIBA®.

...Ernie addominali:

INDIBA non ha la capacità di unire le pareti muscolari tra loro, quindi non ci sono indicazioni per trattare le ernie. La presenza di un’ernia non è una controindicazione per l’applicazione di NDIBA con altri fini (estetica, riabilitazione, ecc.).

...Diastasi Addominale:

Non vi è alcuna controindicazione per l’applicazione dell’INDIBA.

...Impianto Goretex®:

Un impianto Goretex® non è una controindicazione per ricevere un trattamento INDIBA.

...Neurostimolatore:

Il trattamento INDIBA è controindicato perché un neurostimolatore è un dispositivo elettronico.

...Chemioterapia:

Non c’è alcuna controindicazione a trattare un paziente in trattamento chemioterapico con INDIBA. Nel caso di pazienti oncologici è necessaria l’autorizzazione e la supervisione del medico per il trattamento.

...Terapia anticoagulante (diluente del sangue, ad es. eparina):

Se un paziente è sotto trattamento anticoagulante è importante sapere se la causa di questo trattamento è sotto controllo e stabile, e se non è una controindicazione. In caso contrario, per il trattamento è necessaria l’autorizzazione del medico.

Se la malattia è sotto controllo, l’anticoagulante non è una controindicazione. Devono essere prese in considerazione precauzioni come non indurre un elevato aumento della temperatura e non eseguire una pressione intensa con gli elettrodi.

...Aneurisma cerebrale:

L’uso di INDIBA non è raccomandato a causa del potenziale rischio di un’infezione vascolare.

...Mononucleosi infettiva:

Non è una controindicazione a ricevere un trattamento INDIBA.

...Palloncino intragastrico:

Non è una controindicazione a ricevere un trattamento INDIBA. Se è stato inserito di recente, si raccomanda di aspettare qualche giorno fino a quando il paziente non si è adattato all’impianto.

...Tiroide:

INDIBA può essere applicata sopra la ghiandola tiroidea senza rischi. In caso di malattia attiva associata alla tiroide, si consiglia di evitare il trattamento diretto e di applicarlo nell’area circostante.

...Malattia di Crohn:

INDIBA non è controindicata nei pazienti con il morbo di Crohn. Il trattamento non deve indurre temperature elevate per evitare il rischio di esacerbazioni e il paziente deve essere avvertito che questo potrebbe accadere nei giorni successivi al trattamento, a causa dell’interazione attuale dell’INDIBA a livello intestinale.

...Lupus:

INDIBA non è controindicato nei pazienti affetti da Lupus. Contattate il vostro medico per ulteriori informazioni.

...Osteosintesi:

INDIBA non è controindicato in presenza di impianti metallici e/o materiale di osteosintesi.

...Cisti epatiche benigne:

INDIBA non è controindicato nei pazienti con cisti epatiche benigne. Contattare il proprio medico per ulteriori informazioni.

...Sindrome dei fosfolipidi:

La Sindrome dei fosfolipidi non è una controindicazione per i trattamenti INDIBA.

...trapianto di cornea:

Evitare la regione orbitale per evitare la manipolazione meccanica dell’occhio, così come le aree circostanti (regione periorbitale).

...Tromboembolismo:

INDIBA è controindicata in caso di tromboembolia, soprattutto per l’effetto meccanico sull’area trattata, che potrebbe indurre la migrazione di un tromboembolo e le sue conseguenze.

...Fibroadenoma:

INDIBA non è controindicato nei pazienti affetti da fibroadenoma. Contattate il vostro medico per ulteriori informazioni.

...L'esofago di Barrett:

INDIBA non è controindicata. Contattate il vostro medico per ulteriori informazioni.

...Spondilite anchilosante:

INDIBA non è controindicata nella spondilite anchilosante. Può essere usata per ridurre il dolore e migliorare la limitazione funzionale. Contattate il vostro medico per ulteriori informazioni.

... Spondiloartrosi:

INDIBA può essere utilizzata per ridurre i sintomi e migliorare la qualità della vita in caso di spondiloartrosi. Contattare il proprio medico per ulteriori informazioni.

... Fascite plantare:

Un trattamento con INDIBA può aiutare a ridurre il dolore e il gonfiore associati alla fascite plantare.

... ernia del disco vertebrale:

Un trattamento con INDIBA può aiutare a controllare e ridurre il dolore perché il suo effetto rilassante a livello muscolare aiuta a ridurre le contratture muscolari associate a questa patologia.

... Ipotensione (bassa pressione sanguigna):

L’applicazione di INDIBA non è controindicata nei pazienti con bassa pressione sanguigna. Si raccomanda che una volta terminato il trattamento il paziente si alzi lentamente e gradualmente.

... Ipertensione (alta pressione sanguigna):

L’applicazione di INDIBA non è controindicata nei pazienti con ipertensione.

... Mastite:

Un trattamento con INDIBA può essere benefico riducendo il dolore e il gonfiore di un processo di mastite, oltre a migliorare la guarigione delle ferite.

... Trapianto di organi:

Un paziente con un trapianto d’organo può ricevere un trattamento INDIBA. Poiché questi pazienti sono sotto stretta sorveglianza medica, per iniziare il trattamento è necessaria l’autorizzazione del suo medico.

... Glaucoma:

INDIBA non è controindicata nei pazienti affetti da glaucoma. Contattate il vostro medico per ulteriori informazioni.

... Colite ulcerosa:

INDIBA può essere usata per ridurre i sintomi e migliorare la qualità della vita in caso di colite ulcerosa. Contattate il vostro medico per maggiori informazioni.

... Epatite autoimmune (IAH):

INDIBA non è controindicato nei pazienti con epatite autoimmune. Contatta il tuo medico per maggiori informazioni.

... Sindrome di Sjögren:

INDIBA non è controindicata nei pazienti con Sjögren. L’applicazione può richiedere più crema conduttiva del solito a causa della secchezza della pelle.

... Insufficienza venosa:

Una condizione d’ insufficienza venosa non è una controindicazione per i trattamenti INDIBA. L’applicazione deve essere limitata a un leggero aumento della temperatura per favorire il drenaggio.

... Emofilia:

INDIBA non è controindicata nei pazienti affetti da emofilia. Devono essere prese in considerazione le precauzioni di non eseguire una pressione intensa con gli elettrodi.

Aggiornamenti Corona Virus (COVID-19)
A seguito della continua evoluzione della situazione relativa al Coronavirus (COVID-19), stiamo facendo il possibile per proteggere la salute e il benessere dei nostri clienti e dei nostri partner. Vi invitiamo ad accedere al nostro hub informativo per saperne di più.